domenica 26 gennaio 2014

Letture per una buona confessione.

Leggendo queste letture emergono tutte le nostre contraddizioni...

Regole di vita cristiana. Rm 12, 9-21.

La carità non sia ipocrita: detestate il male, attaccatevi al bene; 
amatevi gli uni gli altri con affetto fraterno, gareggiate nello stimarvi a vicenda. 
Non siate pigri nel fare il bene, siate invece ferventi nello spirito; servite il Signore. 
Siate lieti nella speranza, costanti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera
Condividete le necessità dei santi; siate premurosi nell'ospitalità.
Benedite coloro che vi perseguitano, benedite e non maledite. 
Rallegratevi con quelli che sono nella gioia; piangete con quelli che sono nel pianto. 
Abbiate i medesimi sentimenti gli uni verso gli altri; 
non nutrite desideri di grandezza; 
volgetevi piuttosto a ciò che è umile
Non stimatevi sapienti da voi stessi.
Non rendete a nessuno male per male. 
Cercate di compiere il bene davanti a tutti gli uomini. 
Se possibile, per quanto dipende da voi, vivete in pace con tutti. 
Non fatevi giustizia da voi stessi, carissimi, ma lasciate fare all'ira divina. 
Sta scritto infatti: Spetta a me fare giustizia,io darò a ciascuno il suo, dice il Signore. 
Al contrario, se il tuo nemico ha fame, dagli da mangiare; se ha sete, dagli da bere: 
facendo questo, infatti, accumulerai carboni ardenti sopra il suo capo. 
Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene.

Le Beatitudini. Mt 5, 1-16.

Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. 
Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:

Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati.
Beati i miti, perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustiziaperché saranno saziati.
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia.  Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi.

Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? 
A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente.
Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, 
né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. 
Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli.