martedì 18 settembre 2012

L'amore fondamento della famiglia.

Non tutto ciò che è moderno (anzi post-moderno) è sbagliato. Oggi si ha una concezione diversa dell'amore tra uomo e donna, se vogliamo più matura, se si escludono certi eccessi che caratterizzano la nostra società. Una volta i matrimoni venivano decisi dalle famiglie di origine, mentre chi si sposa, oggi, lo fa per convinzione e sentimento personale.

L'amore nel matrimonio è fondamentale: è importante che gli sposi si amino fortemente, altrimenti verrebbe meno il fondamento della loro famiglia, l'amore coniugale, appunto. Su quell'amore l'uomo e la donna, la "coppia", fondano il loro progetto di vita. E senza girarci tanto intorno, se c'è amore, lì c'è Dio.

Nel matrimonio cristiano l'alleanza dei fidanzati si estende a Dio: non un'alleanza sentimentale, ma una vocazione contemporanea sfociata dal cuore di lui e di lei. Ci si sente come chiamati ad amare, perchè si scopre, nella vita di tutti i giorni, che ad odiare non si sta bene.

L'amore, il suo senso di bellezza e di grandezza, anima l'uomo nella sua vita.

L'amore degli sposi è un carisma a loro donato, perchè permette loro di amare l'altro più di se stessi, sconfiggendo l'amore egoistico: questa è la vera libertà vissuta nell'unica carne.